Sistema Europeo dei Crediti per l’Istruzione e la Formazione Professionale

Sistema Europeo dei Crediti per l’Istruzione e la Formazione Professionale (ECVET)

 

61_200_ecvetfrancehoriz-copie

 

Il sistema europeo dei Crediti per l’Istruzione e la Formazione Professionale (ECVET) è un quadro tecnico per il trasferimento, il riconoscimento e, quando appropriato, la capitalizzazione dei risultati dell’apprendimento di una persona con l’obiettivo di conseguire una qualifica.

L’ECVET lavora di pari passo con il Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF) per fornire una maggiore trasparenza nelle qualifiche europee, promuovendo la mobilità dei lavoratori e degli apprendenti e facilitando il lifelong learning.

L’implementazione dell’ECVET ha due obiettivi generali:

  • Sostenere la mobilità dei cittadini europei
  • Facilitare il lifelong learning

Per sostenere la mobilità, l’ECVET deve migliorare le possibilità per il riconoscimento dei risultati dell’apprendimento e così permettere alle persone di costruire su ciò che hanno appreso all’estero, in un’istituzione d’istruzione o di formazione o in altri contesti.

In altre parole, grazie all’ECVET, deve diventare più semplice integrare totalmente la mobilità nei percorsi di apprendimento dell’apprendente e rendere visibile e riconoscibile cosa hanno appreso all’estero. Il successo dell’ECVET dipende dal miglioramento della fiducia reciproca tra le istituzioni competenti.

Il riconoscimento dell’apprendimento e la trasparenza di ciò che gli apprendenti hanno acquisito all’estero sono tutti elementi cruciali e vitali nello sviluppo e nell’incremento della mobilità VET.

L’ECVET nella mobilità geografica è incorporato in un processo di 5 fasi:

  • Preparazione dell’ ECVET
  • Costruzione della partnership
  • L’ECVET prima della mobilità
  • Durante la mobilità
  • Dopo la mobilità
  • E una garanzia di qualità (EQAVET)

La sessione del “dopo la mobilità” è dedicata a:

  • Convalida del risultato dell’apprendimento (l’istituzione di invio considera la documentazione dei risultati dell’apprendimento valutati, come forniti dall’istituzione ospitante e la mette a confronto con ciò che è stato pattuito nel Learning Agreement)
  • riconoscimento del risultato dell’apprendimento (riconosciuto quando i risultati dell’apprendimento previsti e valutati sono sufficientemente consistenti e adeguatamente documentati, crediti conferiti)

Revisione del processo e del risultato della mobilità della persona (riflettendo sull’intero processo, per identificare qualsiasi bisogno di cambiamento o di miglioramento; il feedback può essere raccolto sotto forma scritta (per esempio, attraverso un questionario da compilare) o orale (per esempio, incontri o telefonate)

Per ogni fase, l’ECVET fornisce una guida con gli esempi e i metodi pertinenti, disponibile direttamente sul sito internet.

Obiettivi specifici dello strumento

Il sistema di credito garantito permette la creazione di una lingua comune europea per comunicare le competenze e le abilità acquisite durante un soggiorno in un altro paese.

Fondamentalmente, l’ECVET fa affidamento su una serie di Componenti Tecniche che facilitano il processo di riconoscimento dell’apprendimento, nonostante le differenze tra i paesi o i sistemi educativi in cui l’apprendimento ha avuto luogo. Il successo dell’implementazione di ECVET richiede che le qualifiche siano descritte in termini di risultati dell’apprendimento. I risultati dell’apprendimento sono messi insieme in unità. Infine, le unità vengono accumulate per formare le basi della qualifica.

I processi di valutazione, convalida e riconoscimento devono essere pattuiti tra tutti i partecipanti e devono rispettare la pratica nazionale, regionale, settoriale o istituzionale esistente.

Tipo di mobilità cui si rivolge

L’ECVET è pertinente alle esperienze di lifelong learning all’estero, specialmente per formazioni professionali svolte in altri paesi.

Il volontariato (SVE) e il tirocinio all’estero (Erasmus+ VET) sono perfettamente adatti con il pacchetto dell’ECVET.

Chi è l’utente?

La piattaforma ECVET è utile per i project manager e ogni altro dipendente professionista che si occupa di accompagnamento di mobilità.

Fornisce consigli e strumenti per porre in rilievo le competenze e le abilità di ogni partecipante nel modo migliore.

Come compilarlo?

L’ECVET nella mobilità geografica fornisce strumenti, esempi e fonti di lettura, ma anche un glossario e un database di buone pratiche.

Tutto ciò mira a supportare i compiti quotidiani di chi lavora nel campo dell’istruzione.

Pratica consueta connessa a questo strumento

  • Descrizione dei risultati pratici/osservati
  • Dove può essere utile per il proprietario usare/mostrare lo strumento (candidature, colloqui, centri per l’impiego, network di professionisti…)

Mettendo insieme quasi 200 esperti nazionali, tra i 25 paesi europei, le attività di queste squadre nazionali concentrate sul marketing e sulla promozione – inclusa la preparazione dei materiali nelle lingue locali…

ECVET ha pubblicato una linea guida completa per i problemi di mobilità geografica. La guida si rivolge alle istituzioni competenti e ai moltiplicatori pertinenti che desiderino promuovere ECVET per la mobilità nei loro sistemi di qualifiche.

Immagini ed esempi

ecvet-screenshot

Informazioni aggiuntive

Brochure ECVET e mobilità geografica: http://www.ecvet- team.eu/en/system/files/documents/15/ecvet-mobility.pdf

Si veda EQF: agendo come uno strumento di traduzione per le qualifiche nazionali esistenti, l’EQF mira a promuovere la mobilità di lavoratori e apprendenti semplificando il lifelong learning e il riconoscimento delle qualifiche e migliorando la comprensione e il confronto dei livelli di qualifiche nei diversi paesi europei attraverso il collegamento di sistemi di qualifiche nazionali a un quadro di riferimento europeo.

ECVET Toolkit: per maggiori informazioni sull’uso dei risultati dell’apprendimento per ECVET e mobilità geografica, si veda ECVET Toolkit.